ADO.NET Data Service al servizio di Silverlight 2.0

di , in Silverlight 2.0,

Nell'articolo precedente abbiamo esaminato le possibili modalità d'accesso dati fornite da Silverlight, il rilascio della RTW preceduto dal Service Pack 1 per il framework 3.5 aggiunge un'ulteriore tecnologia conosciuta fino a poco tempo fa' con il nome in codice di Astoria e rinominata infine in ADO.NET Data Services.

ADO.NET Data Services espone i servizi attraverso il protocollo HTTP rendendoli interrogabili attraverso un semplice e ben definito URI: i dati sono quindi veicolati al client utilizzando un'architettura di tipo representational state transfer (REST).

Dal punto di vista architetturale ADO.NET Data Services è composto da due distinti blocchi: il primo non modificabile e "fisso", si occupa di gestire le richieste, elaborare l'URL e produrre l'output in formato JSON o AtomPub; il secondo rappresenta invece lo strato di accesso dati, preferibilmente rappresentato dall'Entity Framework, ma completamente personalizzabile, poichè è infatti possibile utilizzare qualsiasi sorgente dati, diversa anche dal classico DataBase relazionale, come file XML o LINQ to SQL. In estrema sintesi è infatti possibile esporre qualsiasi risorsa implementi l'interfaccia IQuerable<T>.

ADO.NET Data Services espone anche una serie di API utilizzabili da client come può essere un'applicazione Silverlight, permettendo di interrogare il servizio ed eseguire tutte le operazioni tipiche di un' applicazione CRUD, utilizzando sia REST (attraverso delle richieste di tipo GET, PUT, POST, o DELETE, anche in applicazioni AJAX), che oggetti del CLR, utilizzando LINQ to ADO.NET Data Services.

Infine ADO.NET Data Services rappresenta una forma di servizio WCF specializzato.

Creazione di un ADO.Net Data Services

Per creare un nuovo ADO.NET Data Services bisogna creare un nuovo progetto di tipo Web Application: per gli utenti della versione Express di Visual Studio è possibile utilizzare al posto della Web Application un Web Site, senza che ci siano cambiamenti nei passaggi successivi.

Facciamo click con il tasto destro sul progetto appena creato e aggiungiamo un nuovo elemento del tipo ADO.NET Data Services, VS aggiunge per noi i riferimenti agli assembly necessari per il corretto funzionamento del servizio, come System.Data.Services e System.Data.Services.Client, anche se nel nostro caso, come vedremo più avanti,il client sarà contenuto in un altro progetto. Viene inoltre creata la classe del servizio, che eredita dalla classe base DataService.

9 pagine in totale: 1 2 3 ... 6 7 8 9

Attenzione: Questo articolo contiene un allegato.

Contenuti dell'articolo

Commenti

Visualizza/aggiungi commenti

ADO.NET Data Service al servizio di Silverlight 2.0 1010 2
| Condividi su: Twitter, Facebook, LinkedIn

Per inserire un commento, devi avere un account.

Fai il login e torna a questa pagina, oppure registrati alla nostra community.

Approfondimenti